COMUNICATO STAMPA EMILIANO PULEO

87

“E Anche quest’anno i Partinicesi riceveranno in dono tanti pacchi regalo da mettere sotto l’albero di Natale come da tradizione.
Tra questi ci saranno i soliti disservizi legati alla raccolta dei rifiuti proprio durante questi giorni di festività natalizia e come per beffa si sta addirittura prevedendo l’ennesima revisione al rialzo della Tari.
Ciò accade proprio perché l’allegra gestione volutamente perpetuata in via emergenziale ci costa di più oltre ai continui disservizi da essa generati.
Tutto ciò ha creato un buco di circa 500 mila euro che come al solito saranno le tasche dei cittadini a dover sanare. A Partinico la gestione della raccolta dei rifiuti anche quest’anno si conferma un servizio pessimo al costo più alto d’Italia. Ma non è finita qui perché entro la fine dell’anno il Consiglio Comunale dovrà approvare l’adozione di un nuovo Piano Rifiuti, dato che in passato non si è riusciti a stilare ed approvare per tempo un buon piano Aro(il quale avrebbe dato al nostro comune la possibilità di internalizzare il servizio).
Buona prassi amministrativa avrebbe voluto però che una delibera di tale importanza e un nuovo Piano Rifiuti, effettivamente risolutivo dell’atavico problema in questione, fossero stati quanto meno discussi con tutte le parti in causa, ma così, come al solito, non e’ stato. Quindi nelle prossime settimane il Consiglio Comunale si ritroverà a respingere o ad approvare la risoluzione o l’aggravamento del disservizio della raccolta dei rifiuti con nessun margine di tempo da dedicare al confronto cittadino e al dibattito politico.
La nostra posizione in merito non è mutata. Siamo per una gestione che miri al risparmio e al taglio drastico degli sprechi, all’informazione per l’utente, alla garanzia di un servizio realmente efficiente, alla dura lotta contro gli sporcaccioni e gli incivili.
Stiamo studiando il Piano Rifiuti che ci viene proposto e porteremo le nostre considerazioni con le rispettive proposte di modifica in Consiglio Comunale. Possiamo comunque annunciare che i conti non ci tornano e di ciò chiederemo spiegazioni e chiarimenti.
All’Assessore Motisi diciamo che in questi mesi abbiamo apprezzato i suoi sforzi, anche se spesso vani. Sappiamo bene che si è dovuta scontrare con una pesante eredità amministrativa ed un presente di certo poco collaborativo, soprattutto dalle parti di Piazza Municipio, perché la sua reale funzione è terminata il 24 giugno, ovvero il giorno in cui si è tenuta la tornata elettorale del ballottaggio.
In questi mesi mentre gli Assessori voluti da Palermo hanno solo pensato a come tagliare i servizi sociali ed esternalizzare e privatizzare ogni altro tipo di servizio pubblico e bene monumentate, Lei e i suoi colleghi partinicesi siete stati lasciati soli tra le tante e difficili incombenze che il vostro ruolo vi impone.
Come volevasi dimostrare l’Amministrazione De Luca si conferma l’amministrazione dei proclami, delle chiacchiere e degli stretti e nocivi legami con le segreterie di partito provinciali e regionali, il cui unico interesse è mantenere posizioni e rendite di potere.
In campagna elettorale hanno promesso che Partinico sarebbe diventata bellissima e che la musica sarebbe cambiata. Di certo nessuno si aspettava un cambiamento epico e radicale perché la bacchetta magica non esiste ma sicuramente non abbiamo visto nemmeno quei piccoli segnali che avrebbero potuto seriamente portare ad un cambio di rotta rispetto al passato. E invece niente, si continua a colare a picco con una nave piena di falle ed un capitano cieco, sordo ma in compenso chiacchierone”

 

Emiliano Puleo
Gruppo consiliare Cambiamo Partinico-Città d’Europa.

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu stia bene, ma puoi disattivarlo se lo desideri. Accetto Scopri di più

Privacy & Cookies Policy